closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

«Una tempesta perfetta, e nacque il movimento»

Intervista al sociologo Josep Lobera. «È stata la mobilitazione più importante dai tempi della transizione democratica. Non rimase circoscritta ai movimenti sociali, ma divenne presto un fenomeno politico, sociale e culturale», spiega il professore dell’Università Autonoma di Madrid

Madrid, Puerta del Sol, uno scatto del 24 luglio 2011

Madrid, Puerta del Sol, uno scatto del 24 luglio 2011

Josep Lobera insegna sociologia all'Università Autonoma di Madrid. Esperto di sociologia della scienza e di studi elettorali e sull’opinione pubblica, tra i primi ha analizzato la relazione tra i movimenti anti-austerità come gli Indignados e quella che ha definito «cristallizzazione elettorale della protesta», così come le trasformazioni dello spazio politico e delle dinamiche elettorali in Spagna. Lo abbiamo incontrato a Madrid per chiedergli un’interpretazione dell’attuale fase politica spagnola, nel decimo anniversario del 15M. Cosa ha rappresentato il 15M per la Spagna? Il 15M è uno di quegli eventi che capita raramente in un secolo di storia di un paese e...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi