closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Berta Cáceres cinque anni dopo. Parla la figlia: «L’impunità è il messaggio»

Honduras. L'esproprio dei territori e la violazione dei diritti umani, le sparizioni forzate e le esecuzioni extra giudiziali: sono tutte conseguenze del modello estrattivista. Intervista a Bertha Cáceres, figlia dell'ambientalista uccisa e nuova leader indigena Lenca

La richiesta di giustizia per l’ambientalista Berta Cáceres, assassinata nella notte tra il 2 e il 3 marzo 2016, fuori dal tribunale di Tegucigalpa in cui si è celebrato il processo agli esecutori materiali

La richiesta di giustizia per l’ambientalista Berta Cáceres, assassinata nella notte tra il 2 e il 3 marzo 2016, fuori dal tribunale di Tegucigalpa in cui si è celebrato il processo agli esecutori materiali

L'ambientalista honduregna, leader del popolo indigeno Lenca e fondatrice del Consiglio delle organizzazioni popolari e indigene dell'Honduras (Copinh) Berta Cáceres è stata assassinata nella notte tra il 2 e il 3 marzo 2016. Entrarono nella sua abitazione e a la uccisero a colpi di fucile, ferendo il suo ospite, il messicano Gustavo Castro. Un agguato mortale legato all'attività politica di Cáceres e in specifico alla strenue difesa del fiume Gualcarque e dei territori colpiti dall'illegale costruzione della diga di Agua Zarca a cura della società Desa. Sette persone sono state condannate, come gli autori materiali dell'omicidio, di queste quattro sono...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi