closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Tre rilasci nell’ong Eipr, oggi si spera per Patrick Zaki

Egitto. Dopo le scarcerazioni, giovedì sera, di tre dirigenti dell'organizzazione, oggi si attende l'udienza (anticipata) per lo studente dell'università di Bologna. Ma per l'ong i rischi non sono finiti: domani una corte decide sul congelamento dei conti. Intanto Eni sigla un altro accordo al Cairo

Sit-in per la liberazione di Patrick Zaki

Sit-in per la liberazione di Patrick Zaki

Sono giorni intensi per l’Egyptian Initiative for Personal Rights, anche se non è una novità: nei suoi 18 anni di storia l’ong egiziana ha vissuto più di un periodo buio. A volte squarciato da un po’ di luce: giovedì sera sono stati rilasciati i suoi tre dirigenti arrestati uno dopo l’altro a metà novembre, a pochi giorni dall’incontro che avevano avuto con 14 rappresentanti diplomatici europei. Dopo 15 giorni di cella, l’accusa di terrorismo e diffusione di notizie false e la mobilitazione diplomatica italiana ed europea e pure di Hollywood con il videomessaggio di Scarlett Johansson, sono tornati liberi il...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi