closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Torture a Bolzaneto, 45 mila euro di vergogna

Genova G8. Il risarcimento proposto dallo stato alle vittime delle torture nella caserma di Bolzaneto per una «conciliazione amichevole». Gli avvocati e gli attivisti noglobal: «Temono una condanna della Corte dei diritti dell’uomo di Strasburgo». «Una proposta indecente, l’Italia istituisca il reato di tortura».

La protesta per le violenze a Bolzaneto e alla Diaz nel luglio del 2001

La protesta per le violenze a Bolzaneto e alla Diaz nel luglio del 2001

Quarantacinque mila euro per una «conciliazione amichevole». Il denaro è stato offerto come risarcimento delle torture nella caserma di Bolzaneto al G8 di Genova dal ministero degli Esteri. La proposta è contenuta in una lettera inviata ieri alla Corte europea per i diritti dell'uomo di Strasburgo. Il governo richiama l'articolo 39 della Convenzione europea sui diritti dell'uomo e intende chiudere il primo dei due ricorsi presentati a nome di 31 persone contro la mancata punizione dei responsabili delle violenze. E questo nonostante la sentenza di condanna, a 14 anni dai fatti, emessa dalla stessa Corte nell’aprile 2015 a favore di...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi