closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Torna il boia in Giappone, protesta delle ong. Tokyo: «Lo vuole il popolo»

Morte di Stato. Condannati a morte tre detenuti, dopo una sospensione della pena capitale nel 2019. Polemiche anche sulle modalità: i prigionieri informati poche ore prima. Senza preavviso, non si può fare appello

Tokyo, sit-in di Amnesty contro la pena di morte

Tokyo, sit-in di Amnesty contro la pena di morte

Per tre anni il Giappone non ha eseguito alcuna condanna a morte. Ma il boia è tornato ieri, quando ha portato a termine le esecuzioni capitali per impiccagione di tre detenuti nel braccio della morte. Il ministro della Giustizia del governo Kishida, Yoshihisa Furukawa, ha blindato la pratica che vede il paese del G7, così come gli Usa, condannare a morte un essere umano. Già lo scorso ottobre il ministro aveva definito la pena capitale inevitabile per i crimini efferati e giudicati atroci dalla comunità, allontanando le speranze di una revisione dell’attuale ordinamento giuridico nipponico. Per il ministro Furukawa non...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.