closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

Tensione a Belgrado dopo l’irruzione nella sede della tv pubblica

Serbia. 18 arresti. Poi Vucic ordina il rilascio, tranne per i due che avrebbero «minacciato dei giornalisti con una motosega»

Belgrado, la polizia respinge gli occupanti della tv pubblica

Belgrado, la polizia respinge gli occupanti della tv pubblica

Giorni di tensione in Serbia. Sabato sera a Belgrado un centinaio di manifestanti è riuscito a irrompere nella Tv pubblica, fermando i programmi televisivi e accusando il governo di imbavagliare i media. Domenica qualche migliaio di manifestanti ha protestato sotto la Presidenza. Il presidente Aleksandar Vucic si è rivolto alla stampa, ribadendo che non teme quelli che non ha esitato a definire «fascisti». LE PROTESTE hanno ripreso anche ieri, perché l’opposizione ha annunciato che non intende fermarsi finché non saranno liberati i diciotto manifestanti arrestati sabato sera. Alle 16,00 di ieri Vucic ha ordinato il rilascio di tutti gli arrestati...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.