closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Temer «militarizza» il Brasile. Rio nelle mani dell’esercito

Brasile. Stato d’eccezione «contro la criminalità», per evitare una sconfitta sul voto per le pensioni.

Squadra dell’«Unità di polizia pacificatrice» a Rio, un esempio di «sicurezza» ampiamente fallito in Brasile

Squadra dell’«Unità di polizia pacificatrice» a Rio, un esempio di «sicurezza» ampiamente fallito in Brasile

Il Brasile sprofonda nello stato d’eccezione. L’ennesimo strappo arriva dal decreto, firmato da Temer e approvato lunedì da Camera e Senato, con cui il governo - per la prima volta dall’entrata in vigore della Costituzione nel 1988 - trasferisce alle forze armate, fino al 31 dicembre prossimo, il controllo della sicurezza pubblica nello Stato di Rio de Janeiro. UNA MISURA GIUSTIFICATA con la necessità di combattere il crimine organizzato, ma il cui vero scopo è stato quello di evitare il voto sull’impopolarissima riforma previdenziale - nella votazione il governo sarebbe stato sconfitto - non essendo permesso in Brasile votare un...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi