closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Tehran chiama Roma, il governo Conte non si sbilancia

Iran/Italia. Dopo l'assassinio di Mohsen Fakhrizade, l'ambasciata iraniana a Roma chiede che l'Italia condanni con forza l'attentato. La Farnesina non va oltre l'auspicio che sia evitata una escalation. Ieri a Tehran si sono svolti i funerali dello scienziato ucciso con ogni probabilità dal Mossad israeliano

Tehran. I funerali di Mohsen Fakhrizadeh

Tehran. I funerali di Mohsen Fakhrizadeh

«Il silenzio di fronte a questi atti di violenza porterà ad un ulteriore disprezzo delle leggi e del diritto internazionali e minaccerà ulteriormente la pace globale». L’Iran non si accontenta della linea tiepida dall’Unione europea verso l’assassinio, la scorsa settimana, del suo più importante scienziato nucleare, Mohsen Fakhrizade. Attraverso l’ambasciata a Roma si è rivolto all’Italia che sembra nascondersi dietro i comunicati di Bruxelles per evitare frizioni con Israele accusato da Tehran di aver realizzato l’attentato. L'Iran auspica che i politici e i mass media italiani esprimano «una viva condanna» dell'uccisione dello scienziato ritenuto da Tel Aviv responsabile del programma...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi