closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

«Su Giulio Cambdrige rompa il lungo silenzio»

Caso Regeni. L'appello della famiglia dal Festival del Giornalismo di Perugia all'ateneo britannico. Messaggio anche all’Europa perché metta da parte gli interessi statali particolari

La famiglia Regeni al Senato

La famiglia Regeni al Senato

«Cambridge rompa il silenzio». Ad un anno e due mesi dal ritrovamento del cadavere di Giulio Regeni in un fosso tra Il Cairo e Alessandria, i genitori del giovane ricercatore, Claudio Regeni e Paola Deffendi, hanno inviato un nuovo appello. Dopo quello della scorsa settimana lanciato dal Senato («L’Italia non rimandi l’ambasciatore in Egitto»), sabato dal Festival internazionale del Giornalismo di Perugia si sono rivolti all’ateneo britannico. Ad oggi da Cambridge, nonostante la rogatoria della Procura di Roma, datata 6 giugno, è arrivato ben poco: l’attestazione del rischio (firmata da Giulio e dalla sua tutor, Maha Abdelrahman, oppositrice egiziana e...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.