closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Sorpasso al fotofinish, in Perù la speranza Pedro Castillo è viva

Ballottaggio presidenziale . Quasi presidente il maestro e leader sindacale che fa sognare la fine del fujimorismo. Decisivo l’afflusso dei voti dalle zone rurali. Malgrado il clima tossico il leader di Perù libre ci crede: «Mai più poveri in un paese ricco»

Supporter di Pedro Castillo ieri nelle strade di Tacabamba dopo il sorpasso su Keiko Fujimori

Supporter di Pedro Castillo ieri nelle strade di Tacabamba dopo il sorpasso su Keiko Fujimori

L'atteso sorpasso è avvenuto intorno alle 11.30 (ora locale) di ieri, dopo un'attesa lunga e snervante. Da quel momento il sogno di Pedro Castillo di poter cambiare il paese, liberandolo dall'eredità tossica del fujimorismo, si è man mano consolidato. Il margine, è vero, resta strettissimo - 50,165% contro 49,835%, con il 94,8% dei voti scrutinati - e c'è l'incognita del voto all'estero, di cui si avranno i dati tra oggi e domani, ma per il maestro e leader sindacale che ha acceso la speranza dei ninguneados, i nessuno del Perù profondo, la vittoria sembra ora a portata di mano. A...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi