closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

Siamo nelle mani del «Pinochet» del Mediterraneo

Al Sisi. Il raìs è più forte della nostre democrazia, non solo di quella italiana. Lo dimostra tutti i giorni. Può permettersi di ammazzare Regeni, mettere in carcere Zaki mentre migliaia di persone in Egitto spariscono senza che nessuno protesti

Al Sisi

Al Sisi

Possibile che dopo sei anni non abbiamo ancora imparato la lezione? Dobbiamo smettere di chiedere giustizia ad Al Sisi su Giulio Regeni. Quello è un dittatore, non ce la darà mai. Proteggerà sempre i suo scherani e torturatori. Al Sisi è un mascalzone. Basta ricordarsi quando nel 2018 disse al nostro ministro degli Esteri Di Maio: «Giulio è uno di noi». Ma noi italiani siamo brava gente, tollerante e un po’ stupida, o forse ci piacciono un po’ troppo gli uomini forti. Non come il premio Nobel della letteratura Orhan Pamuk che ebbe il coraggio, in solitudine, di dichiarare nell’estate...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.