closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Editoriale

Sappia la Terra che qui la vita è difficile

La rivoluzione non russa. Le ultime pagine del libro sui quarant'anni di vita del manifesto

Valentino Parlato

Il problema del giornale (come di tutti i giornali) è sempre il suo contenuto. Siamo in una situazione di crisi economica e democratica.

Anche i partiti sono in dissoluzione. È difficile schierarsi per un partito nella situazione data. Quindi? Quindi il manifesto deve assumere il ruolo di un partito. Non per andare alle elezioni, ma per ricostruire una linea politica e culturale tesa a promuovere la lotta di classe, la lotta di classe innanzitutto dei lavoratori, ma anche di tutte le persone che sono messe ai margini dall’attuale situazione. Penso ai giovani e alle donne.

Il manifesto, che continua a tenere la scrittarella «quotidiano comunista», deve impegnarsi nella lotta. Questione non semplice di questi tempi, ma che deve essere la nostra ragione di vita.
Non sono venuto al manifesto per fare il giornalista!

Come può il manifesto diventare protagonista attivo della lotta di classe nel nostro Paese? Penso innanzitutto analizzando la situazione come ci hanno insegnato Marx e Gramsci. Una malattia non si cura se non si fa una diagnosi seria.

Certo, siamo in una situazione difficile e se ne può uscire solo con una sorta di rivoluzione culturale e sociale. Insomma il capitalismo che ci sta umiliando non è eterno, ma deve esserci una forza a combatterlo.

Discutiamo della linea del giornale, del «che fare?». Un giornale non si limita a registrare le cronache, ma ha una linea, ha obiettivi precisi. Si caratterizza e così si distingue dagli altri. Quando il manifesto ha fatto campagna ha anche aumentato le vendite: penso a Fanfani, penso all’opposizione alla guerra in Iraq, penso alla grande manifestazione di Milano del 1994, quando il nostro giornale fu determinante per la caduta di Berlusconi e arrivò a vendere cinquantamila copie.

Quando dico giornale-partito dico solo che un giornale è un soggetto politico. Non penso affatto a partecipare alle elezioni o cose simili: un giornale è un giornale, è un giornale.

E, faccio personale autocritica, questa caratterizzazione è calata negli ultimi tempi, anche per difetto di noi che ci lavoriamo, ma non è tutta colpa nostra. La situazione è veramente difficile; l’attuale centro-sinistra è piuttosto disastroso. Bisogna costruire una vera alternativa e, a tal fine, è importante, decisiva direi, la cultura.

Uniti si resiste e si può anche vincere. E questo vincere lo dico pensando soprattutto ai giovani. Alla mia età pensare di vincere è proprio difficile.

Le ripetute crisi del manifesto mi hanno ricordato il mito di Anteo.

Il combattivo gigante libico che vinceva sempre perché tutte le volte che cadeva per terra (la Terra era sua madre) riprendeva le forze e batteva l’avversario. In tutte le ripetute crisi del manifesto la Terra (la madre Terra) sono stati i lettori compagni, il popolo del manifesto che sempre ci ha ridato forza. Ma il mito dice anche che Ercole tenne Anteo sollevato da terra e lo strangolò.

Per sopravvivere e vincere non dobbiamo perdere il contatto con la terra, con i compagni.

E se Ercole ci solleva da terra per strangolarci, si sollevi la Terra, pur con tutte le critiche e rimproveri che meritiamo.

Ma sappia la Terra che qui la vita è difficile.

Brano da «La rivoluzione non russa, quarant’anni di storia del manifesto», Manni 2012, 14 euro

  • Giacomo Casarino

    Avete fatto bene a ricordare il suo pregevole libro sulla storia del Manifesto: qualche punta controcorrente, come quando afferma a pag. 74 che “Le Tesi per il comunismo da cui aveva preso il via la nostra impresa si erano rivelate sbagliate […]”. Nei tanti ricordi che ho avuto modo di leggere nessuno aveva finora menzionato questo suo lavoro, uscito nel 2012.

  • Cristian

    La vita è difficile perché non si prendono in considerazione i veri problemi che ci affliggono, per esempio il signoraggio bancario e il conseguente risultato che il debito pubblico non esiste, oppure che la politica è in mano alle multinazionali del farmaco e la loro urgenza è obbligarci a vaccinare i nostri figli per creare clienti a vita, oltre che a rimpinzarsi i conti in banca, le multinazionali che impongono prodotti e culture che avvelenano i nostri cibi e fanno collassare gli agricoltori, le multinazionali della finanza che ci strangolano e annientano sempre più le pmi e l’artigianato, senza parlare del modo in cui ci stanno letteralmente rincoglionendo e avvelenando con la scusa del cambiamento del clima, irrorando alluminio, bario, nanotecnologie e virus attraverso la geo-ingegneria, oltre che ad una bella dose di frequenze sparate sia per via atmosferica che attraverso le linee elettriche, che per risonanza ci instillano stati d’animo e pensieri a piacimento.
    Perché queste cose non vengono dette dagli organi di “informazione”?
    Perché viene insabbiato tutto ad arte e ci si appoggia sempre al divide et impera?
    Oltre a mettere “mi piace” sui social network con il culo appoggiato ad una sedia, o imprecare seduti sul divano ascoltando il TG di turno, perché la gente non scende in piazza e ferma tutto fino a che questa classe dirigente non se ne va?
    Forse perché è tenuta in uno stato letargico e non si accorge che siamo in dittatura?
    Qual’è il filo che divide un popolo consapevole ed attivo da un branco di capre?
    Quello che stiamo vivendo è il risultato di ciò che siamo, o togliamo il culo dalla sedia e facciamo come fecero i nostri nonni, oppure scegliamo di essere capre che si dirigono verso il burrone….
    Cordiali Saluti