closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
1 ULTIM'ORA:
Internazionale

Ruanda, la riconciliazione perde la sua «icona»

La voce scomoda di Kizito Mihigo. Muore in carcere il celebre cantante che aveva sfidato il potere di Paul Kagame: secondo le autorità è «suicidio»

Kizito Mihigo

Kizito Mihigo

Era un sopravvissuto al genocidio del 1994, Kizito Mihigo, ma del genere che oggi risulta indigesto al presidente Paul Kagame per la presa di distanza maturata nel corso degli anni dal partito – il Fronte patriottico ruandese – e dai metodi del capo. Soprattutto, il 38enne Mihigo era un cantante molto amato in Ruanda, ragione per cui la sua morte avvenuta ieri mattina in una cella a Kigali ha fatto scalpore. E ora sono in molti a scommettere sulla scarsa veridicità della versione fornita dalle autorità, che parlano di suicidio.

Mihigo era stato arrestato quattro giorni prima mentre cercava di passare illegalmente il confine con il Burundi – è sempre la versione ufficiale – per unirsi a non meglio identificati «gruppi di terroristi ostili al governo ruandese». Dal suo entourage confermano il desiderio di cambiare aria, ma respingono energicamente la tesi ribellista.

Star di un genere chiamato gospel, che con il suo omonimo afroamericano condivide principalmente l’afflato religioso, Kizito Mihigo è stato definito da Jeune Afrique un’«icona della riconciliazione» proprio per il ruolo svolto dalle sue canzoni.

Tuttavia una di queste, Igisobanuro Cy’urupfu (Il senso della morte) nel 2014 si era spinta un po’ troppo in là: Mihigo, da orfano sopravvissuto al massacro, spezzava cristianamente una lancia a favore dei carnefici e attaccava la vendicativa narrazione ufficiale del regime.

Il brano venne censurato e poco dopo Mihigo finì in carcere con accuse pesantissime: sarebbe stato a capo di un complotto per uccidere il presidente e per questo condannato a dieci anni. Salvo poi essere graziato – resta pur sempre uno degli autori dell’inno nazionale ruandese- dallo stesso Kagame, che gli impone però una sorta di libertà vigilata. Quella che avrebbe infranto nel tentativo, rivelatosi poi fatale, di lasciare il paese.


La nostra rivoluzione.

In questi giorni di emergenza abbiamo deciso di abbassare il paywall rendendo il nostro sito aperto, gratuito e accessibile a tutti.
Non avremmo potuto farlo da soli: migliaia di lettori ogni giorno sostengono il manifesto acquistandolo in edicola o abbonandosi on line.

Oltre al giornale di oggi, stiamo lavorando anche a quello del futuro.

Nel 2021 compiremo i 50 anni in edicola e vogliamo far crescere insieme questo esperimento unico di informazione libera, critica e autofinanziata dai lettori.

Vogliamo un sito grande, che rispetti la privacy e metta al centro i lettori. Un sito coinvolgente e partecipato, dove sia possibile informarsi liberamente e “formarsi” come comunità.

Vuoi partecipare alla costruzione del nuovo manifesto?

ACQUISTA L’ABBONAMENTO DIGITALE SPECIALE
3 SETTIMANE A 10 €

entrerai nella “comunità dei lettori” che lavoreranno con noi per disegnare il giornale del futuro

ABBONATI
Scegli una diversa formula di abbonamento | Scopri la campagna