closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Lavoro

Rider, l’intelligenza delle lotte, la forza del nuovo diritto

Capitalismo delle piattaforme digitali. Le clamorose richieste della procura di Milano: 733 milioni di multa alle piattaforme e 60 mila assunzioni da fare in 3 mesi. Parlano i ciclofattorini, tra i protagonisti delle lotte degli ultimi cinque anni: "Questo è il ruolo delle lotte. Una situazione che ricorda l'Ilva. Dove non sono arrivati tre governi, è arrivata la magistratura». I giuristi Martelloni e De Stefano: «Un risultato valido per tutti, intervenga il governo. Oggi dalle 17 l'assemblea nazionale online dei ciclofattorini

L'autorganizzazione dei rider a Bologna

L'autorganizzazione dei rider a Bologna

Le conclusioni dell'indagine sulle piattaforme digitali di consegna a domicilio condotta dalla procura di Milano sono un altro risultato dell'intelligenza e della determinazione dei rider che, negli ultimi cinque anni, hanno lottato per affermare i loro diritti sociali e il riconoscimento dello statuto di lavoratori dipendenti in Italia. «Finalmente stiamo ottenendo giustizia anche da parte della magistratura milanese – afferma Angelo Avelli dei ciclofattori autorganizzati Deliverance Milano – Questa è la dimostrazione del fatto che lottare in questi anni è servito e sta servendo a qualcosa. Sentiamo che, passo dopo passo, ci avviciniamo ai nostri obiettivi. Questo è un messaggio...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi