closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Regeni, in contrasto le letture delle due autopsie

Italia. I magistrati egiziani svelano particolari rilevanti acquisiti in un mese di indagini. Non tutti confermati dagli inquirenti italiani. Fonti autorevoli vicine alla procura di Roma smentiscono le affermazioni del viceprocuratore di Giza, Hossam Nassar, secondo il quale Giulio sarebbe stato sottoposto a sevizie in un’unica soluzione

Sit-in di fronte all’ambasciata egiziana a Roma

Sit-in di fronte all’ambasciata egiziana a Roma

Un corpo martoriato, due autopsie, due letture diverse dei segni che raccontano le ultime ore di Giulio Regeni. Non c’è accordo tra la versione della procura di Giza, che indaga sull’omicidio in campo egiziano, e quella degli inquirenti italiani sulle modalità con cui sono state inflitte le violenze al giovane dottorando friulano prima di morire. Su un punto invece le due interpretazioni convergono: Giulio Regeni sarebbe morto, per la frattura di una vertebra cervicale, entro le 24 ore precedenti il ritrovamento del suo corpo, avvenuto nella mattina del 3 febbraio sulla strada che collega Il Cairo ad Alessandria. Ieri il...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.