closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Reattori nucleari «made in China»: il nuovo export cinese è atomico

Cina. Per la Cina l’esportazione di tecnologia nucleare è un affare più sicuro: una volta entrati in funzione, gli impianti hanno alti rendimenti e costi operativi moderati, al contrario dei flop delle infrastrutture stradali lungo la nuova via della seta

La Cina abbatterà le emissioni (anche degli altri) con il nucleare. I progetti di sviluppo di tecnologie autonome e performanti per l’energia nucleare hanno una lunga storia nel paese asiatico, ma tornano sulla scena con la promessa della neutralità carbonica entro il 2060. Il nucleare è da sempre un’alternativa importante nel quadro di sicurezza energetica cinese, e ora Pechino punta alla leadership tecnologica per espandersi sui mercati e rafforzare i legami con i partner commerciali. Il suo campione internazionale è il reattore Hualong One, entrato in piena funzione lo scorso gennaio a Fuqing, nel sudest del paese. È un reattore...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi