closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Economia

Prestito Fca, (solo) ora tutti chiedono che torni in Italia

L'Olandese al Volante. Smemorati. Anche Calenda, che da ministro non l'ha mai convocata. L'azienda chiama i sindacati, poi - dopo l'intervento di Conte - è costretta a spiegare: finanziamento a tutta la filiera

John Elkann, presidente Fca

John Elkann, presidente Fca

Quando giovedì Fca ha deciso di congelare il pagamento dei dividendi ai soci ha motivato la scelta «alla luce dell’impatto dell’attuale emergenza dovuta al Covid-19», ottenendo il plauso unanime dei commentatori per la sensibilità dei vertici. Ora scopriamo che in realtà si trattava di una decisione obtorto collo dettata dalle condizioni previste dal decreto Liquidità per chiedere - tramite Fca Italy, la succursale italiana della multinazionale con sede fiscale in Olanda - allo stato italiano - a Sace (la società di Cassa Depositi e prestiti specializzata nel settore assicurativo e finanziario) per la precisione, che garantirebbe l’80 per cento mentre...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi