closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

Polemiche dopo gli scontri al corteo del primo maggio

Francia . Il corteo Cgt bloccato dai Black Bloc. Di chi è la responsabilità? La Cgt accusa la polizia, il Prefetto si difende: "bilancio umano estremamente leggero, è importante". La destra: Macron manca di "autorità". Mélenchon: "sono figli di papà". Le prossime manifestazioni a rischio

Polemiche feroci il giorno dopo la manifestazione parigina del 1° maggio, mentre nel resto della Francia hanno sfilato 150mila persone complessivamente, nella calma. A Parigi, il corteo è rimasto bloccato, un’ora dopo la partenza, perché sono intervenuti dei casseurs. “Un reggimento”, ha riassunto la Prefettura di polizia, 1200 Black Bloc, Mili e Antifa, che hanno preso di mira dei negozi (31), a cominciare da un McDonald’s e una concessionaria Renault, con 6 auto bruciate e una decina danneggiate. Di chi è la colpa di questa deriva? Il corteo era organizzato dalla Cgt con Solidaires, con una partecipazione di sezioni Force...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.