closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Parte l’indagine della Cpi sui crimini di guerra. Netanyahu: «giudici dell’Aia antisemiti»

Territori occupati. Il Procuratore Fatou Bensouda ha spiegato che saranno analizzati crimini che si suppone siano stati commessi dal 13 giugno del 2014, in particolare a Gaza. Sotto inchiesta ci sarà anche Hamas per i lanci di razzi sui civili israeliani

Gaza durante l'offensiva israeliana Margine Protettivo del 2014

Gaza durante l'offensiva israeliana Margine Protettivo del 2014

È incontenibile la rabbia di Israele per la decisione del Procuratore Fatou Bensouda, della Corte penale internazionale (Cpi) dell'Aia, di aprire un'inchiesta formale per crimini di guerra nei Territori palestinesi occupati dalle truppe israeliane quasi 54 anni fa. Il premier Netanyahu è arrivato al punto da accusare la Cpi di aver «adottato una decisione che è l'essenza dell'antisemitismo». Dure anche le dichiarazioni rilasciate dal capo dello stato Rivlin e dal ministro degli esteri Gabi Ashkenazi, un ex generale e capo di stato maggiore. Ashkenazi ha parlato di «un atto di bancarotta morale e legale», quindi ha avvertito che Israele «intraprenderà...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi