closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Skrypal, parla la figlia: per la stampa Gb è un’accusa a Putin

Russia. Yulia rilascia un'intervista tv in cui afferma di «voler stare ora accanto al padre» ma anche di «voler in un lontano futuro tornare a vivere in Russia». Mosca reagisce e mette in dubbio la volontarietà dell'intervento

Sergei Skrypal e la figlia Yulia

Sergei Skrypal e la figlia Yulia

Riprende quota la polemica tra Gran Bretagna e Russia sul «caso Skrypal». Dopo che l’ex agente dei servizi russi qualche giorno fa era stato dimesso dall’ospedale e condotto in una località segreta da Scotland Yard, l’altro ieri è apparsa sulla televisione britannica per un breve comunicato la figlia di Alexey Skripal, Yulia, anch’essa avvelenata con gas nervino lo scorso 4 marzo a Salisbury. La ragazza, che è apparsa davanti agli schermi ancora debilitata, si è limitata ad affermare di «voler stare ora accanto al padre» ma anche di «voler in un lontano futuro tornare a vivere in Russia». Tanto è...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.