closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Lavoro

Papa Francesco chiede un «salario universale» per i precari

Nuovo Welfare. In una lettera ai «movimento popolari» inviata nel giorno di pasqua, Papa Francesco ha chiesto un «salario universale» per i lavoratori precari che operano nei settori informali che non hanno un «salario stabile per resistere» nella crisi indotta dalla diffusione del virus Covid 19

Papa Francesco

Papa Francesco

«Forse è giunto il momento di pensare a una forma di «salario universale» che riconosca e dia dignità ai nobili e insostituibili compiti che svolgete; un salario che sia in grado di garantire e realizzare quello slogan così umano e cristiano: nessun lavoratore senza diritti». Lo ha scritto nel giorno di pasqua Papa Francesco in una lettera ai «movimenti popolari», definiti «veri poeti sociali», quelli che hanno una «cultura», una «metodologia» ed esercitano la «capacità di sentire come proprio il dolore dell’altro». I destinatari del «salario» potrebbero essere i lavoratori informali come «venditori ambulanti, raccoglitori, giostrai, piccoli contadini, muratori, sarti,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.