closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

Nella filiera globale del pomodoro

Lavoro. La micidiale catena di montaggio del pomodoro: la globalizzazione ha reso invisibile il «chi» ha prodotto la merce che usiamo e «dove», in quale posto della terra. Ogni tanto, forme di violenza raggiungono i media

Quattro più altri dodici, sono i braccianti morti in Puglia; uno è l’autista morto nell’esplosione di un camion di gas sull’autostrada. In un solo giorno e si tratta di quei pochi finiti sui giornali, senza contare gli altri noti soltanto alle famiglie e all’Inail. I sedici morti del Foggiano erano impiegati nella raccolta dei pomodori, quelli freschi per l’insalata, per le conserve in bottiglia o che vengono esportati a beneficio dell’economia italiana. Insomma morti per la produzione di merci. Perché le merci non si producono a mezzo di denaro, e neanche a mezzo di merci, e neanche soltanto a mezzo...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.