closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

Nella crisi brasiliana l’occhio del ciclone latinoamericano

«Fora Temer». Trema l’Argentina. Non solo perché la sua economia è fortemente dipendente dal vicino, ma anche perché il governo del presidente Macri si trova ad affrontare una forte protesta sociale e uno scontro con i sindacati. Ma in generale è tutto il subcontinente, che attraversa una pericolosa fase di instabilità, a essere preoccupato per gli equilibri nel gigante sudamericano

Il presidente Michel Temer fa marcia indietro. Revoca lo stato d’emergenza e ritira l’esercito dalle strade di Brasilia. Ma non rinuncia alla poltrona, conquistata con un golpe istituzionale contro Dilma Rousseff. E dunque non spegne l’incendio politico e sociale. Che corre ora il rischio di estendersi a tutto il Brasile, dopo le battaglie di strada di Brasilia e Rio de Janeiro mercoledì. «Fora Temer» è lo slogan che risuona ormai praticamente in tutti gli stati del gigante sudamericano. Segno di un rifiuto popolare che non colpisce solo il presidente, ma in generale una classe politica vista come corrotta e inefficiente....

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.