closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

«Negato il diritto di difesa dei richiedenti asilo», Giuristi democratici contro il protocollo Venezia

Immigrazione. Anche Melting Pot, l’Ambasciata dei diritti, il mondo cattolico ed Emergency contro l'intesa firmata dal presidente dell’Ordine degli Avvocati e dal presidente del Tribunale che, tra le altre cose, impone ai difensori di denunciare lo stato di salute dei migranti a beneficio di quella del giudice

Un vulnus al diritto di protezione internazionale per i richiedenti asilo. Ma anche un esplicito segnale politico, sull’onda del «riformismo» di Minniti&Orlando. Il protocollo sottoscritta il 6 marzo da Paolo Maria Chersevani, presidente dell’Ordine degli Avvocati, e da Manuela Farini presidente del Tribunale, innesca reazioni senza appello. A cominciare dall’esecutivo nazionale dei Giuristi Democratici: «Apprendiamo con grande stupore della sottoscrizione presso il Tribunale di Venezia, sede della “Sezione specializzata in materia di immigrazione, protezione internazionale e libera circolazione dei cittadini dell’Ue” di un protocollo contenente gravi, ed a nostro avviso illegittime, limitazioni del diritto di difesa dei richiedenti asilo. È...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.