closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Medici di Navalnyj: «Rischia di morire». Biden: «Situazione totalmente ingiusta»

Russia. L’oppositore ha comunque ribadito la sua volontà di continuare lo sciopero della fame, denunciando di essere stato minacciato di alimentazione forzata e il rifiuto a farlo visitare da medici civili

Alexei Navalny

Alexei Navalny

Nuove proteste a sostegno dell’oppositore russo Aleksej Navalnyj, attualmente detenuto nella colonia penale Ik-2 di Porkov nella regione di Vladimir dopo il suo arresto nel quadro del caso Yves-Rocher, sono state fissate per il 21 aprile. L’annuncio del suo staff conferma la decisione di non aspettare il raggiungimento del mezzo milione di firme sulla piattaforma online «Free Navalny!»: traguardo che inizialmente era stato indicato come propedeutico all’annuncio di nuove manifestazioni. Cambio di programma dovuto al peggioramento delle condizioni di salute di Navalnyj: la sua portavoce Kira Jarmush ha fatto sapere che l’oppositore potrebbe morire «nel giro di pochi giorni». Messaggio...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.