closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Falk: «Mai così alto il rischio di catastrofe nucleare»

Intervista. Il manifesto dialoga con Richard Falk, professore emerito a Princeton ed ex rapporteur Onu per la Palestina: «Gli Stati uniti sono i primi ad opporsi a qualsiasi piccolo passo che possa diminuire il loro dominio di prima potenza nucleare. Un apartheid di pochi verso il resto del mondo»

Richard Falk

Richard Falk

«Oggi viviamo il rischio di una catastrofe nucleare più che durante la guerra fredda, e non so quanto questo sia evitabile: la possibilità del doomsday, l’incenerimento del pianeta, non si limita solo alla Corea del Nord verso gli Stati uniti, bensì all’opzione militarista insita nel mondo globalizzato, che si estesa a India, il Giappone malgrado Hiroshima e Nagasaki, Pakistan e una miriade di altri paesi alleati. È una situazione mondiale, molto instabile e pericolosa. La leadership di questo “apartheid nucleare” spetta agli Stati uniti in primis, che decidono e dettano ordini nei confronti del resto del mondo, invocando, a loro...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.