closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
L'Ultima

Macri taglia i salari, ma compra una montagna di armi dagli Usa

Argentina. Contro le privatizzazioni, sciopero di 24 ore il 6 aprile

Buenos Aires, Macri reprime i manifestanti

Buenos Aires, Macri reprime i manifestanti

«Se abbiamo sconfitto la dittatura, ce la faremo anche contro questo governo». Così Nora Cortiñas, leader delle Madres de Plaza de Mayo Linea Fundadora, ha commentato la situazione imposta al paese dal governo di Mauricio Macri: licenziamenti massicci, privatizzazioni, aumento della povertà, «negazionismo» sui desaparecidos della dittatura civico-militare (1976-1983) e leggi contro i migranti, nello stile del suo amico Trump. DA UN MESE, continuano le manifestazioni dei docenti per la scuola pubblica, delle cooperative contro gli sgomberi degli spazi autogestiti e per la liberazione della deputata indigena Milagro Sala, dirigente dell’organizzazione Tupac Amaru: perseguita con accuse pretestuose per il suo...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi