closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

L’uomo forte Dodik sfida Washington e l’Onu. Trema la Bosnia-Erzegovina

Republika Srpska. Sale la tensione dopo l’annuncio delle sanzioni Usa contro il leader dell’entità serbo-bosniaca, che tra corruzione e calcoli elettorali sente crescere la voglia di secessione. Accordi di Dayton in gioco

Milorad Dodik durante una conferenza stampa a Sarajevo

Milorad Dodik durante una conferenza stampa a Sarajevo

Una colonna di macchine, degli spari esplosi in aria, insulti lanciati contro un gruppo di fedeli all’uscita dalla moschea dopo la preghiera del mattino. A Janja, Bosnia nord-orientale, dove intere famiglie musulmane vennero sterminate nella guerra degli anni Novanta, la vigilia del Natale ortodosso si festeggia anche così. Non sono passate nemmeno 24 ore dall’annuncio del dipartimento del Tesoro degli Stati uniti sulle sanzioni contro l’uomo forte della Republika Srpska (Rs, una delle due entità, a maggioranza serba, della Bosnia-Erzegovina), Milord Dodik, accusato di corruzione e destabilizzazione del Paese, che già il clima di tensione diventa rovente, per di più...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.