closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Limiti al diritto di voto delle minoranze, la Casa bianca fa causa alla Georgia

Stati uniti. Per la prima volta il Dipartimento di Giustizia prende di petto le leggi restrittive approvate dagli Stati a guida repubblicana e volte a ridurre l'afflusso di neri e ispanici alle urne

Il confronto tra un sostenitore di Trump e un manifestante nero democratico a Detroit, il 5 novembre 2020

Il confronto tra un sostenitore di Trump e un manifestante nero democratico a Detroit, il 5 novembre 2020

Il Dipartimento di Giustizia americano ha fatto causa allo Stato della Georgia per le leggi restrittive sul diritto di voto da poco approvate dai repubblicani locali. Il passo è una mossa importante dell'amministrazione Biden: è la prima volta che la questione delle limitazioni del diritto al voto per le minoranze viene affrontata direttamente senza più giocare di fioretto. La causa è stata annunciata dal procuratore generale Merrick Garland ed è tra le azioni esecutive di più alto profilo avviate ai sensi del Voting Rights Act, da quando, nel 2013, la Corte Suprema aveva annullato il cavillo legale che consentiva al...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.