closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
L'inchiesta

Le Canarie contro la Repsol

Ma la solidarietà non basta: serve elaborare un progetto sociale, oltre che energetico alternativo

Un primo risultato è stato raggiunto: il governo delle Canarie ha indetto per il 23 novembre un referendum consultivo a cui potranno partecipare anche i residenti stranieri e i sedicenni. Come era prevedibile il governo spagnolo ha deciso di portare la legge con cui è stato convocato il referendum dinnanzi al tribunale supremo, per chiederne l'annullamento. Scontata la reazione: si voterà comunque. Se Repsol contava su un logoramento del movimento dopo due anni di mobilitazioni, ha sbagliato i conti. Nessuna sottovalutazione della forza dell'avversario, al contrario piena consapevolezza che non bastano cortei partecipati e resistenza per fermare il petrolio alle...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi