closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

«La protesta è nata pacifica, la violenza è tra oligarchi e clan»

Asia centrale. Intervista ad Alexander Knyazev, Università di San Pietroburgo. Sulle rivendicazioni sociali di masse impoverite dalla crisi del modello petrolifero e dalla pandemia si è innescato il braccio di ferro tra Tokayev e l’ex presidente Nazarbayev

Sulla crisi kazaka abbiamo intervistato il professor Alexander Knyazev, dell’università di San Pietroburgo, specialista di Asia centrale, Quali i principali fattori trainanti della settimana di violenza? Tutto è iniziato in modo pacifico nelle regioni occidentali. Ad Aktau, la gente è scesa in piazza per rivendicazioni economiche. Va comunque osservato come sia stata anche avanzata la richiesta politica di un’uscita definitiva dalla scena dell’ex-Presidente Nazarbayev, percepito quale simbolo dell’inguistizia sociale. Sebbene massicciamente presenti sullo sfondo, le motivazioni economiche sono tuttavia marginali nello spiegare il caos in cui è sprofondato il paese. Il conflitto era destinato ad esplodere quale risultato delle tensioni...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.