closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

La notte della «Morte agli arabi»

Gerusalemme. La città si lecca le ferite dopo le violenze di giovedì notte provocate dall'estrema destra israeliana. 105 palestinesi feriti. Governo in silenzio. Aggrediti anche ebrei che protestavano contro i raid razzisti

Militanti di Lehava marciano sulla Porta di Damasco

Militanti di Lehava marciano sulla Porta di Damasco

Le strade tra le due Gerusalemme, ebraica e araba, ieri si sono svegliate nel fetore. Non quello generato dallo sterco rilasciato dai cavalli della polizia o dal liquido puzzolente che qualche ora prima avevano sparato in abbondanza i cannoni ad acqua dei reparti antisommossa. Piuttosto quello del razzismo che centinaia di militanti del gruppo israeliano di estrema destra Lehava e kahanisti hanno sparso nella notte di giovedì tra Piazza Zion e la Porta di Damasco, scandendo senza sosta «Mavet laArabim», «Morte agli arabi». Una notte che non può essere spiegata come un episodio, la conseguenza della tensione tra due popolazioni...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.