closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

La maledizione del vincitore tra Etiopia e Tigray

Guerra (economica). L'introduzione delle nuove banconote da parte del premier Abiy Ahmed e il conflitto in atto nella regione settentrionale

Donatori del sangue per l'esercito al fronte nello stadio di Addis Abeba

Donatori del sangue per l'esercito al fronte nello stadio di Addis Abeba

Nella crisi politica e militare che coinvolge il governo federale etiope e lo stato ribelle del Tigray ci sono due anni di tensioni legate all’estromissione dal potere dei rappresentanti del Tplf (Tigrayan People’s Liberation Front), ma vi è un aspetto che forse non è stato sufficientemente analizzato: il cambio della moneta. Lo scorso settembre il premier Abiy ha introdotto le nuove banconote e secondo i ben informati è stato un attacco diretto ai dirigenti del Tigray, che avevano portato con sé lasciando Addis Abeba camion di banconote sottratte al governo federale: «Così tante da far sparire dalla circolazione i 100...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.