closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

La guerra solitaria di un ginecologo contro la legge texana

Aborto. Alan R. Braid sul «Washington Post»: ho praticato un’Ivg. E puntuali arrivano due «cacciatori di taglie» a denunciarlo

Manifestanti pro aborto marciano verso la casa del giudice della Corte Suprema Brett Kavanaugh

Manifestanti pro aborto marciano verso la casa del giudice della Corte Suprema Brett Kavanaugh

«...E questo è il motivo per cui, la mattina del 6 settembre, ho eseguito un aborto su una donna che pur essendo al primo trimestre di gravidanza era già oltre i nuovi limiti dello stato». Alan R. Braid è un vecchio ginecologo di San Antonio, Texas. Dopo quasi cinquant’anni di carriera e tre cliniche aperte, ha stabilito un record: è il primo medico denunciato per la violazione della nuova e terrificante legge texana sull’aborto. Deposto l’aspiratore, infatti, ha impugnato la penna e ci ha scritto sopra un editoriale per il Washington Post. IN CARRIERA, SCRIVE, ho fatto nascere più di...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.