closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Reportage

La frontiera dei passi perduti

Migranti. Tra Ventimiglia e Mentone, in una strana terra di nessuno, si temono i controlli ma si resiste sugli scogli, aspettando risposte

Frontiera di Ponte San Ludovico, oltre le due linee gialle c'è il mondo. Francia o Italia, tutto dipende soltanto da che parte volgi lo sguardo. In mezzo c’è quella strana terra di nessuno che garantisce intangibilità a chiunque si arrocchi lì e visibilità mediatica alla cinquantina di migranti che, riportati loro malgrado in Italia dai gendarmi francesi, da sabato sera si rifiutano di abbandonare lo scoglio e tornare a Ventimiglia. Non hanno intenzione di tornare a fidarsi delle promesse italiane, e neppure di quelle europee. Nella notte di sabato le coperte termiche erano un riflesso argentato illuminato dalla luna, sotto lo...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi