closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

La fine del MoSE

«Il MoSe vedrà la luce, non sarà un’incompiuta ma la dimostrazione dell’efficienza della gente veneta». Così si esprimeva il 9 giugno 2010, l’allora neo-presidente della Regione Veneto Luca Zaia con orgoglio regional-patriottico. È la stessa persona che la scorsa settimana, forse in preda a un temporaneo raptus o disturbo della personalità, ai microfoni dichiarava: «Ci sono cinque miliardi di euro sott’acqua, non abbiamo ancora ben capito perché non siano in funzione, che fine ha fatto il MoSE? Bella domanda, è un progetto dello Stato centrale. Non sappiamo nemmeno se funziona». Giancarlo Galan, l’ex governatore forzista al centro dello scandalo tangenti...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.