closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

La fabbrica di armi Rwm pronta al raddoppio

Sardegna. Lo stabilimento incriminato dal reportage del New York Times il 29 novembre ha messo sul tavolo 40 milioni di euro per ampliare l’impianto tra Iglesias e Domusnovas. Intanto la Farnesina risponde al Nyt: «Sempre agito nel rispetto del diritto internazionale»

Protesta a Domusnovas, Sardegna, contro la fabbrica di armi Rwm

Protesta a Domusnovas, Sardegna, contro la fabbrica di armi Rwm

«La vicenda è nota e il governo ha già chiarito più volte, anche in parlamento. L’Italia osserva in maniera scrupolosa il diritto nazionale e internazionale in materia di esportazione di armamenti e si adegua sempre e immediatamente a prescrizioni decise in ambito Onu o Ue. L’Arabia Saudita non è soggetta ad alcuna forma di embargo, sanzione o altra misura restrittiva internazionale o europea». Così il ministero degli esteri risponde alle polemiche sollevate dal servizio del New York Times sulle bombe, fabbricate in Sardegna, che i sauditi usano nella guerra in Yemen, contro obiettivi militari e contro i civili. Per nulla...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi