closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

La destra italiana, il «trumpismo» e noi

Usa/Italia. In Italia, se il programma «trumpista» - neologismo che dovremo imparare a usare e a declinare - dovesse realizzarsi, la crescita ulteriore del debito pubblico, proprio nella fase in cui la politica di Draghi del Quantative Easing si va spegnendo, ci porterà al dejà vu: spread alle stelle e Bruxelles che interviene pesantemente sul nostro governo che potrà ancora una volta giocare la parte della vittima

Trump durante una conferenza repubblicana

Trump durante una conferenza repubblicana

L’Italia dopo la seconda guerra mondiale è stata una delle nazioni europee più fedeli alleate del governo nordamericano, la cui influenza sulla nostra società è stata costante e rilevante. Non solo sul piano politico-militare, ma anche su quello culturale e dei modelli di vita e di consumo. L’unica variabile è stato il tempo. Alcune volte le mode politico-culturali sono arrivate da noi dopo alcuni anni, in altri casi il processo imitativo è stato molto veloce. Se osserviamo la sfera della politica economica possiamo notare come nel caso della Reganomics, la sterzata liberista e il primo smantellamento del welfare che si...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi