closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
L'Ultima

In Messico il Tren Maya fa deragliare Amlo

Ecocidi. In Messico le comunità indigene rivendicano il parziale stop a uno dei megaprogetti più distruttivi per l’ambiente e le popolazioni. E su cui il presidente López Obrador ha cambiato idea dopo le elezioni

Di Andrés Manuel López Obrador, detto Amlo, gli zapatisti non si sono mai fidati: «potranno cambiare il capataz, i servitori e i capisquadra, ma il proprietario continuerà a essere lo stesso», dicevano mentre il grosso della popolazione celebrava il suo trionfo elettorale oltre due anni fa. E i fatti stanno dimostrando che avevano ragione loro. DELLA TANTO PROPAGANDATA «quarta trasformazione» è infatti difficile trovare tracce nella realizzazione di opere ambiziose quanto devastanti, contestatissime dalle comunità interessate, come il Tren Maya, il megaprogetto di linea ferroviaria chiamato a collegare le principali aree turistiche del Sud del paese, o come il Corredor...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi