closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

In India la rivolta si estende, un bel problema per il governo Modi

Il Citizen Act infiamma le piazze in tutto il subcontinente. Fronte eterogeneo ma unito contro la legge di cittadinanza che discrimina gli islamici. La macchina della propaganda dell’ultradestra al governo perde colpi, ma infuria la repressione

La protesta di ieri, 20 dicembre, di fronte alla moschea di Amritsar

La protesta di ieri, 20 dicembre, di fronte alla moschea di Amritsar

È difficile ricordare, negli ultimi decenni, un fronte unito così imponente ed eterogeneo protestare compatto in tutto il subcontinente indiano contro il governo. NONOSTANTE LA REPRESSIONE violenta delle forze dell’ordine, nelle ultime 48 ore i manifestanti scesi in strada per protestare contro il combinato disposto del Citizen Amendment Act (Caa, già in vigore) e del National Registry of Citizens (Nrc, per ora ancora una promessa elettorale) stanno aumentando in maniera esponenziale. I social media traboccano di foto e video di adunate oceaniche letteralmente estese a macchia d’olio in tutto il paese. Dalla Jama Masjid, l’imponente moschea rossa nel centro di...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi