closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Il Paraguay ci ripensa, l’ambasciata torna a Tel Aviv

Gerusalemme. Netanyahu ha reagito al clamoroso passo indietro del paese sudamericano ordinando la chiusura dell'ambasciata israeliana ad Asunción

Appena quattro mesi fa, sotto lo sguardo compiaciuto di Ivanka Trump ‎e di suo marito e inviato per il Medio oriente Jared Kushner, Benyamin ‎Netanyahu aveva salutato con enorme soddisfazione il trasferimento ‎dell'ambasciata Usa da Tel Aviv a Gerusalemme. Nelle previsioni del ‎premier israeliano il passo americano, seguito al riconoscimento fatto ‎sei mesi prima dalla Casa Bianca di Gerusalemme come capitale ‎d'Israele, avrebbe spinto altri paesi, anche europei, a fare altrettanto. ‎Ipotizzava un "effetto domino". E due paesi, Guatemala e Paraguay, ‎furono rapidi nell'annunciare il trasferimento delle loro ambasciate a ‎Gerusalemme. Circolarono anche voci di una intenzione di Romania, ‎Repubblica...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.