closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Lavoro

Il Movimento Cinque Stelle propone l’estensione del «reddito di cittadinanza»

Reazioni a catena. Primo risultato della campagna per il "reddito di quarantena" e l'estensione in senso universalistico e incondizionato del "reddito di cittadinanza". La proposta di Vito Crimi. Analoghe aperture arrivano dal ministro del Sud Giuseppe Provenzano (Pd). I sindaci siciliani e pugliesi hanno chiesto al governo la stessa misura. A Palermo alcune persone hanno chiesto di non pagare la spesa in un ipermercato perché senza reddito. Sandro Gobetti (Bin Italia): "Ora bisogna aumentare la platea, aumentare i criteri Isee, ridurre ed eliminare obblighi e condizioni". Luca Dall'Agnol (Adl Cobas): "Garantire anche l'accesso gratuito ai servizi per chi è sotto la soglia di povertà"

La campagna

La campagna "Reddito di quarantena"

La campagna per il reddito di quarantena e la riforma in senso universale e incondizionato del cosiddetto «reddito di cittadinanza» ha prodotto un primo risultato. Il Movimento Cinque Stelle ha aperto a questa opzione sostenuta da migliaia di persone in Italia con petizioni e campagne sui social network. «Questa misura sta salvando milioni di persone in questo momento, se non ci fosse oggi avremmo 3-4 milioni di persone ancora più in difficoltà. Dobbiamo estenderlo a tutte le persone che in questo momento non hanno un reddito perché hanno perso il lavoro o perchè non possono lavorare a causa delle restrizioni»...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi