closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
L'Ultima

Il giorno di proteste che ha cambiato la vita di Damián

Cile. Storia di un diciassettenne che dopo 5 mesi di duro carcere preventivo scontati per la sua prima partecipazione alle proteste contro il governo Piñera non è più lo stesso. Il senatore Latorre al manifesto: «Ci sono casi di ragazzi detenuti, torturati e abusati sessualmente dalle forze dell’ordine»

La manifestazione antigovernativa  del 21 ottobre 2020 a Santiago, quella  a cui ha partecipato  Damián

La manifestazione antigovernativa del 21 ottobre 2020 a Santiago, quella a cui ha partecipato Damián

Era un lunedì, il 21 ottobre del 2019 e a Santiago del Cile regnava il caos. Le strade erano piene di militari e centinaia di migliaia di persone partecipavano a una protesta all’Alameda, la via principale della città. Cristi stava camminando cercando suo figlio Damián Toro, di 17 anni. Un paio di ore prima si erano incontrati alla metro, lui le aveva detto che sarebbe andato alle proteste contro il governo di Sebastián Piñera. Suo figlio non era mai stato un’attivista, era sempre stata lei quella attenta alla politica in famiglia, quindi credeva che Damián volesse solo vedere quello che...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi