closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

«Heartland» è un osso duro anche per al Baghdadi

Asia centrale. I governi dell’area, in particolare quelli del Tagikistan e dell’Uzbekistan, usano la minaccia del terrorismo per reprimere ogni forma di dissenso

Immagine di Ayad Alkhadi

Immagine di Ayad Alkhadi

L’ultimo grido di allarme è stato lanciato da Zamir Kabulov, inviato speciale del presidente Putin a Kabul e capo del dipartimento asiatico del ministero degli esteri russo: in Afghanistan ci sono 10.000 combattenti dell’Isis pronti a infiltrarsi in Asia Centrale e successivamente in Russia. Un avvertimento che fa eco a quelli continuamente lanciati dai presidenti-padroni dei cinque «regimi-stan» che occupano il centro dell’Eurasia, da sempre abituati a considerare qualsiasi movimento di matrice islamica come una minaccia diretta al proprio potere e particolarmente preoccupati per l’attività portata avanti dagli emissari del Califfato all’interno dei loro confini. Oggetto di perenne contesa tra...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.