closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Gli sposi che pestavano insieme i colori

Doppio passo / 4. Il pittore Simone Martini e sua moglie Giovanna Memmi: uno strettissimo legame nato tra polveri d’oro e grassi animali che si spezzò solo con la morte

Simone Martini, Cappella di San Martino, Assisi (presunto autoritratto)

Simone Martini, Cappella di San Martino, Assisi (presunto autoritratto)

Tutta la vita a girare nei pressi del blu oltremarino, della polvere d’oro, dei più limpidi e smaltati colori. Lei in bottega ci stava. Suo padre, Memmo, i figli li teneva tutti a bottega con lui e poi - ma lei era una bambina - aveva preso anche quell’altro ragazzo, Simone, diceva che era bravo. Lo era, molto, tanto da andare anche nella bottega più prestigiosa di Siena, quella di Duccio. Forse Simone era più in gamba dei suoi fratelli, certo ne avrebbe avuto di successo... E lei l’avrebbe sposato, tutta la vita insieme, perché Giovanna nell’arte c’era nata e...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.