closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Giornalista tedesco arrestato in Turchia, l’ira di Berlino

Turchia/Germania. Convocato l'ambasciatore di Ankara per il caso di Deniz Yucel, reporter con cittadinanza tedesca e turca detenuto con l'accusa di propaganda terroristica per alcuni articoli scritti per Die Welt

La cancelliera Merkel con il presidente turco Erdogan

La cancelliera Merkel con il presidente turco Erdogan

Dopo gli screzi seguiti al riconoscimento del genocidio armeno da parte del parlamento tedesco, riesplodono le tensioni tra Germania e Turchia. Al centro l'arresto del giornalista Deniz Yucel, corrispondente del quotidiano Die Welt, cittadino tedesco e turco. Yucel è detenuto dal 14 febbraio nell’ambito di un’inchiesta sulla «diffusione di propaganda terroristica», reato per cui rischia fino a 5 anni di carcere. Lunedì una corte di Istanbul ha confermato la detenzione sulla base di un articolo su un attacco hacker all’account email del Ministero dell’Energia e di un’intervista a Cemil Bayik, comandante Pkk. Martedì Berlino ha convocato l’ambasciatore turco: il ministro...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.