closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Economia

Gianfranco Viesti: «L’austerità fa più male al Sud»

Legge di stabilità. Intervista all'economista Gianfranco Viesti. Ritratto della manovra economica al tempo dell'austerità: fisco, lavoro, investimenti pubblici, università e lotta alla povertà. "Il taglio delle tasse sulla prima casa è poco equo perché premia in misura cospicua i più abbienti e rilancia molto poco i consumi". E denuncia: "Con la sua politica il governo rischia di allargare la biforcazione tra atenei del Sud e del Nord. Si va verso un sistema tra università di serie A e B". "Il Master plan per il Sud? Ancora non si è visto"

L'austerità non è uguale per tutti sostiene Gianfranco Viesti, ordinario di Economia applicata all'Università di Bari in un'analisi sulla politica economica dal 2011 a oggi pubblicata sul Menabò del sito Etica e economia. L'economista conferma la sua analisi dopo avere studiato le carte della legge di stabilità. Si parte dall'eliminazione della tassa sulla prima casa. «È una manovra poco equa perché premia in misura cospicua i più abbienti e rilancia molto poco i consumi. Lo sostiene anche la Banca d’Italia: i consumi aumentano soprattutto quando cresce il reddito di chi ha meno – sostiene Viesti - Non sono un rigorista...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.