closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

«Gang criminale dietro la morte di Giulio». Poi la smentita

Egitto. Ieri la polizia ha ucciso i membri di una banda. Fonti la indicavano come la responsabile dell'uccisione di Regeni, ma le autorità hanno negato. Ma la verità è ancora lontana e la conferma del ministro degli Interni ricorda a tutti il ruolo dei servizi

Ieri pomeriggio le parole del procuratore del Cairo Cherif Abd El Monim hanno sgonfiato le voci che circolavano intorno al caso di Giulio Regeni: le indagini lampo, ha detto, hanno chiarito che i cinque criminali uccisi nella capitale non erano legati alla sparizione, le torture e la morte del giovane ricercatore italiano. Tutto era partito con le dichiarazioni rilasciate da un anonimo funzionario della sicurezza egiziana al quotidiano al-Watan: la polizia, in uno scontro a fuoco nella capitale, ha ucciso i membri di una gang specializzata nel rapimento di cittadini stranieri e responsabile della morte di Giulio. Secondo le autorità...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.