closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

Francia, le convergenze parallele della purezza identitaria

Intervista. Un’intervista con lo scrittore congolese Alain Mabanckou, autore del romanzo «African Psycho». «Il Front national condivide lo stesso disprezzo degli jihadisti verso la Francia bastarda, cioè multiculturale e multietnica»

Grégoire, il protagonista di African Psycho, il romanzo di Alain Mabanckou appena pubblicato da 66thand2nd (pp.192, euro 17) sogna di diventare un serial killer famoso e temuto, riscattando così una vita miserabile, condotta ai margini di una immaginaria città congolese, in un quartiere noto solo per le sue prostitute, i suoi ubriaconi e il suo alto tasso di criminalità. Per molti versi, il giovane africano subisce il fascino della violenza grazie all’impatto che hanno su di lui l’evocazione delle gesta sanguinarie di uno spietato assassino del passato, come i giovani che si avvicinano al terrorismo jihadista subiscono oggi quelle delle...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi