closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

Francia, allarme ospedali pubblici

Sanità. Sistema in «pericolo di morte», a causa della privatizzazione e dell’austerità. Lo sciopero del settore riempie le piazze. Macron promette un «piano d’emergenza», con più soldi, in tempi brevi

Parigi, la mobilitazione del personale sanitario

Parigi, la mobilitazione del personale sanitario

Un fiume lungo e tranquillo di camici bianchi, da Port Royal agli Invalides, per denunciare lo «stato d’emergenza dell’ospedale pubblico». Dai primari agli infermieri, dagli amministrativi agli studenti di medicina, ieri a Parigi (ma anche in molte grandi città di provincia) ha avuto luogo una delle più grandi manifestazioni di protesta del settore sanitario pubblico degli ultimi anni. Non una manifestazione di categoria, ma un grido di allarme su uno dei pilastri del welfare, che riguarda tutti i cittadini. Duecentosessantotto ospedali erano ieri mobilitati, molti già in stato di agitazione da settimane, tutti i sindacati presenti nei cortei, due le...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.